XagenaNewsletter
A Focus on CV
Medical Meeting
Xagena Mappa

Effetto di riduzione dell'albumina di Dapagliflozin da solo e in associazione con Saxagliptin ed effetto di Dapagliflozin e Saxagliptin sul controllo glicemico nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica: studio DELIGHT


Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, il controllo intensivo del glucosio può essere nefroprotettivo e i trattamenti che riducono l'albuminuria possono rallentare il deterioramento della funzionalità renale.
È stato valutato l'effetto dell’abbassamento dell'albuminuria dell'inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ), Dapagliflozin ( Forxiga ), con e senza l'inibitore della dipeptidil peptidasi-4 [ DPP-4 ], Saxagliptin ( Onglyza ),e l'effetto della combinazione di Dapagliflozin e Saxagliptin ( Qtern ) sul controllo glicemico in pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica da moderata a grave.

Nello studio DELIGHT, in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati arruolati pazienti in 116 centri di ricerca in Australia, Canada, Giappone, Corea del Sud, Messico, Sudafrica, Spagna, Taiwan e Stati Uniti.
Sono stati inclusi pazienti con anamnesi nota di diabete di tipo 2, aumento dell'albuminuria ( rapporto albumina-creatinina nelle urine UACR 30-3.500 mg/g ), velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] di 25-75 ml/min per 1.73 m2 ed emoglobina glicata [ HbA1c ] del 7.0-11.0% ( 53-97 mmol/mol ), che avevano ricevuto dosi stabili di terapia con inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace inibitori ) o bloccanti del recettore dell'angiotensina II ( sartani ) e trattamento ipoglicemizzante per almeno 12 settimane.

Dopo un periodo di run-in con placebo in cieco di 4 settimane, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere solo Dapagliflozin ( 10 mg ), Dapagliflozin ( 10 mg ) e Saxagliptin ( 2.5 mg ) oppure placebo una volta al giorno per 24 settimane.

Gli endpoint primari erano il cambiamento rispetto al basale di UACR ( gruppi Dapagliflozin e Dapagliflozin-Saxagliptin ) e HbA1c ( gruppo Dapagliflozin-Saxagliptin ) alla settimana 24 in tutti i pazienti assegnati in modo casuale con dati disponibili ( set completo di analisi ).

Lo studio è stato condotto tra il 2015 e il 2018. Sono stati sottoposti a screening 1.187 pazienti, di cui 461 assegnati in modo casuale: 145 al gruppo Dapagliflozin, 155 al gruppo Dapagliflozin-Saxagliptin e 148 al gruppo placebo ( 13 pazienti sono stati esclusi a causa di problemi di integrità dei dati ).

Dapagliflozin e Dapagliflozin-Saxagliptin hanno ridotto UACR rispetto al placebo durante il periodo di studio.

Alla settimana 24, la differenza ( rispetto al placebo; n=134 pazienti con dati disponibili ) nella variazione di UACR media dal basale è stata pari a -21.0% ( P=0.011 ) per Dapagliflozin ( n=132 ) e -38.0% ( P minore di 0.0001 ) per Dapagliflozin-Saxagliptin ( n=139 ). HbA1c è risultata ridotta nel gruppo Dapagliflozin-Saxagliptin ( n=137 ) rispetto al gruppo placebo ( n=118 ) alla settimana 24 ( -0.58%, P minore di 0.0001 ).

Il numero di pazienti con eventi avversi ( 79, 54%, nel gruppo Dapagliflozin, 104, 68%, nel gruppo Dapagliflozin-Saxagliptin e 81, 55%, nel gruppo placebo ) o eventi avversi gravi ( 12, 8%, 12, 8%, e 16, 11%, rispettivamente ) era simile tra i gruppi.
Non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza legati al farmaco.

Dapagliflozin con o senza Saxagliptin, somministrato in aggiunta al trattamento con Ace inibitore o sartano, è un'opzione potenzialmente interessante per rallentare la progressione della malattia renale in pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica da moderata a grave. ( Xagena2019 )

Pollock C et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 429-441

Endo2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro