XagenaNewsletter
A Focus on CV
Medical Meeting
Xagena Mappa

Alti livelli circolanti di omentina associati a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari primari nei soggetti con diabete


Concentrazioni più elevate della adipochina omentina sono associate a livelli più bassi di fattori di rischio cardiometabolico negli studi sperimentali e trasversali, ma con un rischio più elevato di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari negli studi di coorte basati sulla popolazione.

Tuttavia, non è noto se elevate concentrazioni di omentina siano associate a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari nelle persone con diabete mellito accertato.
Pertanto, uno studio ha valutato l'associazione tra le concentrazioni sieriche di omentina e il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti affetti da diabete.

Lo studio prospettico si è basato sui partecipanti alla coorte tedesca ESTHER affetti da diabete e senza precedenti eventi cardiovascolari.
La coorte ESTHER è composta da individui di età compresa tra 50 e 75 anni, al basale, che sono stati reclutati dai medici di medicina generale.
Dopo l'esclusione degli individui con proteina sierica C-reattiva maggiore o uguale a 10 mg/l ( maggiore o uguale a 95.24 nmol/l ), la popolazione dell'analisi finale era composta da 933 individui.
Al basale, le concentrazioni sieriche di omentina sono state misurate con il metodo ELISA.

Durante i 14 anni di follow-up, 228 individui hanno manifestato un evento cardiovascolare primario ( infarto del miocardio, ictus o morte cardiovascolare ).

Dopo aggiustamento completo per età, sesso, indice di massa corporea ( BMI ), fattori metabolici e di stile di vita e impiego di farmaci, gli hazard ratio ( HR ) ( IC al 95% ) per il 2o e il 3o terzile di omentina rispetto al 1o terzile sono stati: 1.24 ( IC al 95% 0.86, 1.79 ) e 1,63 ( 1.15, 2.32 ) ( p per trend = 0.005 ) per l'endpoint cardiovascolare composito; 1.39 ( 0.78, 2.47 ) e 1.71 ( 0.98, 2.99 ) ( p per trend = 0.065 ) per infarto miocardico incidente; 1.40 ( 0.78, 2.53 ) e 2.05 ( 1.17, 3.58 ) ( p per trend = 0.010 ) per ictus incidente; e 1.43 ( 0.85, 2.40 ) e 1.72 ( 1.04, 2.83 ) ( p trend = 0.040 ) per morte cardiovascolare.

Le stime degli effetti e i valori di p sono risultati quasi inalterati dopo aggiustamento aggiuntivo per l'adiponectina.

In conclusione, le concentrazioni più elevate di omentina sono associate a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari nei soggetti diabetici dopo aggiustamento per molteplici fattori di rischio cardiovascolare. ( Xagena2020 )

Niersmann C et al, Diabetologia 2020; 63: 410-418

Endo2020 Cardio2020



Indietro