A Focus on CV
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Canagliflozin ed esiti renali nel diabete di tipo 2 e nefropatia


Il diabete mellito di tipo 2 è la principale causa di insufficienza renale in tutto il mondo, ma sono disponibili pochi trattamenti efficaci a lungo termine.
Negli studi cardiovascolari sugli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ), i risultati esplorativi hanno suggerito che tali farmaci possono migliorare gli esiti renali nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

In uno studio randomizzato in doppio cieco, i pazienti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica albuminurica sono stati assegnati alla terapia con Canagliflozin ( Invokana ), un inibitore orale di SGLT2, alla dose di 100 mg al giorno oppure placebo.
Tutti i pazienti presentavano una velocità di filtrazione glomerulare ( GFR ) stimata tra 30 e meno di 90 ml al minuto per 1.73 m2 di superficie corporea e albuminuria ( rapporto tra albumina mg e creatinina g, superiore a 300 fino a 5.000 ) e sono stati trattati con blocco del sistema renina-angiotensina.

L'esito primario era un composito di malattia renale allo stadio terminale ( dialisi, trapianto o eGFR sostenuta inferiore a 15 ml al minuto per 1.73 m2 ), un raddoppio del livello sierico di creatinina o morte per cause renali o cardiovascolari. Gli esiti secondari prespecificati sono stati testati gerarchicamente.

Lo studio è stato interrotto precocemente dopo un'analisi provvisoria pianificata su raccomandazione del comitato di monitoraggio dei dati e della sicurezza. In quel momento, 4.401 pazienti erano stati sottoposti a randomizzazione, con un follow-up mediano di 2.62 anni.

Il rischio relativo di esito primario è stato inferiore del 30% nel gruppo Canagliflozin rispetto al gruppo placebo, con tassi di eventi rispettivamente di 43.2 e 61.2 per 1.000 anni-paziente (hazard ratio, 0.70; P=0.00001).

Il rischio relativo del composito renale specifico di malattia renale allo stadio terminale, un raddoppio del livello di creatinina o morte per cause renali è stato inferiore del 34% ( hazard ratio, HR=0.66; P minore di 0.001 ) e il rischio relativo di malattia renale allo stadio terminale è stato inferiore del 32% ( HR=0.68; P=0.002 ).

Il gruppo Canagliflozin ha anche presentato un minore rischio di morte cardiovascolare, infarto del miocardio o ictus ( HR=0.80; P=0.01 ) e ricovero per insufficienza cardiaca ( HR=0.61; P minore di 0.001 ).

Non ci sono state differenze significative nei tassi di amputazione o frattura.

Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattie renali, il rischio di insufficienza renale ed eventi cardiovascolari è stato inferiore nel gruppo Canagliflozin rispetto al gruppo placebo con un follow-up mediano di 2.62 anni. ( Xagena2019 )

Perkovic V et al, N Engl J Med 2019; 380: 2295-2306

Nefro2019 Endo2019 Farma2019


Indietro