A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Dapagliflozin abbassa i tassi di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti ad alto rischio affetti da diabete mellito di tipo 2


Dapagliflozin ( Forxiga ) somministrato una volta al giorno a una singola dose da 10 mg, non è risultato associato a una maggiore o minore frequenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) rispetto al placebo nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 che avevano o erano a rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica.
Tuttavia, Dapagliflozin 10 mg una volta al giorno ha mostrato di essere associato a tassi più bassi di morte cardiovascolare o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

Pazienti affetti da diabete di tipo 2, di età pari a 40 anni o superiore, un livello di emoglobina glicata maggiore o uguale a 6.5% e molteplici fattori di rischio per la malattia cardiovascolare aterosclerotica, sono stati arruolati in uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, multinazionale controllato con placebo ( DECLARE-TIMI 58 ).
I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Dapagliflozin 10 mg una volta al giorno ( n = 8582 ) oppure placebo ( n = 8578 ).

L'incidenza di MACE e un composito di morte cardiovascolare o ospedalizzazione correlata allo scompenso cardiaco erano i principali endpoint di efficacia.
Ulteriori endpoint di efficacia comprendevano la morte per qualsiasi causa, così come un composito renale comprendente nuova malattia renale allo stadio terminale, diminuzione del 40% o superiore della velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] a un valore inferiore a 60 ml al minuto per 1.73 m2 di superficie corporea, o morte correlata a malattia renale o malattia cardiovascolare e morte per qualsiasi causa.

Durante il periodo di follow-up mediano di 4.2 anni, il trattamento con Dapagliflozin somministrato una volta al giorno non ha conferito un beneficio significativamente maggiore ai pazienti rispetto al placebo per quanto riguarda gli esiti primari di efficacia ( limite superiore dell'intervallo di confidenza al 95%, inferiore a 1.3; P inferiore a 0.001 per la non-inferiorità ).

Dapagliflozin non è risultato associato a un tasso inferiore di MACE rispetto al placebo ( 8.8% vs 9.4%, rispettivamente; hazard ratio [ HR ], 0.93, IC 95%, 0.84-1.03, P = 0.17 ).

Il trattamento con Dapagliflozin ha comportato tassi significativamente più bassi del composito di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, rispetto al placebo ( 4.9% vs 5.8%; HR=0,83, IC 95%, 0.73-0.95, P = 0.005 ).

Nessuna differenza tra i gruppi è stata osservata nell'incidenza della morte cardiovascolare durante il periodo di studio ( HR=0.98, IC 95%, 0.82-1.17 ).

Una percentuale più bassa di pazienti nel gruppo Dapagliflozin ha manifestato un evento renale ( 4.3% vs 5.6%, HR=0.76, IC 95%, 0.67-0.87 ), mentre una percentuale simile di pazienti nei gruppi Dapagliflozin e placebo ha riportato mortalità per qualsiasi causa ( 6.2% e 6.6%, rispettivamente; HR=0.93, IC 95%, 0.82-1.04 ).

Dapagliflozin è risultato associato a un più alto tasso di chetoacidosi diabetica ( 0.3% vs 0.1%, P = 0.02 ), così come infezioni genitali che hanno portato alla sospensione del trattamento ( 0.9% vs 0.1%; P inferiore a 0.001 ).
Sebbene non sia stato riscontrato alcun beneficio superiore per Dapagliflozin rispetto al placebo per quanto riguarda gli eventi avversi cardiovascolari maggiori, i dati dello studio hanno indicato che nei pazienti senza malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata, l'inibizione del co-trasportatore di sodio glucosio di tipo 2 mediante Dapagliflozin può prevenire eventi clinici gravi, in particolare l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, e possibilmente ridurre la progressione della malattia renale. ( Xagena2018 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) - Scientific Sessions 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro