Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Dapagliflozin ed esiti cardiovascolari nel diabete di tipo 2


Il profilo di sicurezza cardiovascolare di Dapagliflozin ( Forxiga ), un inibitore selettivo del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) che promuove la glicosuria nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, non è definito.

Sono stati assegnati in modo casuale pazienti con diabete di tipo 2 che avevano o erano a rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica a ricevere Dapagliflozin oppure placebo.

L'esito primario di sicurezza era un composito di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ), definito come morte cardiovascolare, infarto del miocardio o ictus ischemico.
Gli esiti primari di efficacia erano MACE e un composito di morte od ospedalizzazione cardiovascolare per insufficienza cardiaca.
Gli esiti secondari di efficacia erano compositi renali ( diminuzione del 40% o più della velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] fino a meno di 60 ml al minuto per 1.73 m2 di superficie corporea, nuova malattia renale allo stadio terminale o morte per cause renali o cardiovascolari ) e morte per qualsiasi causa.

Sono stati valutati 17.160 pazienti, tra cui 10.186 senza malattia cardiovascolare aterosclerotica, che sono stati seguiti per una mediana di 4.2 anni.

Nell'analisi degli esiti primari di sicurezza, Dapagliflozin ha soddisfatto il criterio prespecificato di non-inferiorità rispetto al placebo in merito a MACE ( P minore di 0.001 per la non-inferiorità ).

Nelle due analisi di efficacia primaria, Dapagliflozin non ha determinato una percentuale più bassa di MACE ( 8.8% nel gruppo Dapagliflozin e 9.4% nel gruppo placebo: hazard ratio, HR=0.93, P=0.17 ) ma ha comportato un più basso tasso di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( 4.9% vs 5.8%, HR=0.83, P=0.005 ), riflettendo un tasso inferiore di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( HR=0.73 ); non c'era differenza tra i gruppi nella morte cardiovascolare ( HR=0.98 ).

Un evento renale si è verificato nel 4.3% dei pazienti nel gruppo Dapagliflozin e nel 5.6% nel gruppo placebo ( HR=0.76 ) e il decesso per qualsiasi causa si è verificato nel 6.2% e 6.6% rispettivamente ( HR=0.93 ).

La chetoacidosi diabetica è risultata più comune con Dapagliflozin che con placebo ( 0.3% vs 0.1%, P=0.02 ), così come il tasso di infezioni genitali che ha portato alla sospensione del regime o che sono state considerati eventi avversi gravi ( 0.9% vs 0.1%, P minore di 0.001 ).

Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 che avevano o erano a rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica, il trattamento con Dapagliflozin non ha determinato una percentuale più alta o più bassa di MACE rispetto al placebo, ma ha comportato un più basso tasso di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, riflettendo un tasso inferiore di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca. ( Xagena2019 )

Wiviott SD et al, N Engl J Med 2019; 380: 347-357

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro