Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Effetti della restrizione di sodio e Idroclorotiazide sulla efficacia del blocco RAAS nella nefropatia diabetica


La riduzione del consumo di sodio nella dieta o il trattamento diuretico aumentano l’efficacia del blocco del sistema renina-angiotensina-aldosterone ( RAAS ) nella nefropatia non-diabetica.
Sono stati studiati gli effetti della restrizione di sodio e del diuretico Idroclorotiazide, separatamente e in combinazione, aggiunti al blocco RAAS, sulla albuminuria residua nei pazienti con nefropatia diabetica di tipo 2.

In questo studio multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, sono stati inclusi pazienti con nefropatia diabetica di tipo 2.

I principali criteri di ingresso erano: microalbuminaria o macroalbuminuria, e clearance della creatinina di 30 ml/min o superiore con un calo di meno di 6 ml/min nel corso dell'anno precedente.

Sono stati testati gli effetti separati e combinati di restrizione di sodio ( consulenza dietetica in ambito ambulatoriale ) e Idroclorotiazide ( 50 mg al giorno ), aggiunti alla inibizione standard massima con enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE, Lisinopril [ Zestril ] 40 mg al giorno ), sull’albuminuria ( endpoint primario ).

I pazienti hanno ricevuto Idroclorotiazide ( 50 mg/ die ) oppure placebo durante 4 periodi di trattamento di 6 settimane.
Entrambi i trattamenti sono stati combinati con una dieta con sodio normale o con restrizione di sodio ( assunzione di sodio target 50 mmol Na+ al giorno ).

I periodi di trattamento di 6 settimane sono stati effettuati consecutivamente in ordine casuale.

Lo studio è stato analizzato per intention-to-treat.

Su 89 pazienti eleggibili, 45 sono stati inclusi nello studio.

Sia la restrizione di sodio sia Idroclorotiazide hanno ridotto significativamente l’albuminuria, indipendentemente dalla sequenza di trattamento.
La media geometrica di albuminuria residua con il trattamento di base è stata di 711 mg al giorno; è stata significativamente ridotta dalla restrizione di sodio ( 393 mg al giorno, P=0.0002 ), da Idroclorotiazide ( 434 mg al giorno, P=0.0003 ) e maggiormanete dalla loro combinazione ( 306 mg al giorno, P minore di 0.0001 ).

Disturbi ortostatici si sono manifestati in 2 pazienti ( 4% ) durante il trattamento di base, 5 ( 11% ) durante l'aggiunta della restrizione di sodio, 5 ( 11% ) durante il trattamento con Idroclorotiazide e 12 ( 27% ) durante il trattamento di combinazione.
Non si sono verificati eventi avversi gravi.

Dallo studio è emerso che la restrizione di sodio sia un intervento non-farmacologico efficace per aumentare l'efficacia del blocco RAAS nella nefropatia diabetica di tipo 2. ( Xagena2014 )

Bolland MJ et al, Lancet 2014;2:307-320

Endo2014 Nefro2014 Farma2014


Indietro