A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Effetti di età, diabete, e malattia vascolare su GDF11, fattore 11 di differenziazione della crescita


Il fattore 11 di differenziazione della crescita ( GDF11 ), un membro della superfamiglia del fattore di crescita trasformante B ( TGF-alfa ), è stato recentemente descritto come un fattore solubile di ringiovanimento per il cuore, muscoli, e cervello.
Infatti, i livelli di GDF11 si riducono nei topi anziani, mentre il suo ripristino migliora la funzione vascolare, cerebrale, muscolare, e cardiaca.

Per il fatto che il diabete mellito di tipo 2 ( T2D ) aumenta con l'età ed è caratterizzato da invecchiamento accelerato, ricercatori dell’Università di Padova hanno esaminato gli effetti di età, diabete mellito e malattie vascolari sulle concentrazioni plasmatiche di GDF11.

Le concentrazioni plasmatiche di GDF11 sono state misurate mediante ELISA in una coorte di pazienti con diabete mellito di tipo 2 e nei soggetti di controllo senza diabete.

In media, le concentrazioni plasmatiche di GDF11 erano più elevate nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 che nei soggetti di controllo, e questa differenza era esclusivamente attribuibile agli elevati livelli di GDF11 nei pazienti diabetici con macroangiopatia.

L'associazione tra macroangiopatia e livelli di GDF11 nel gruppo diabete mellito di tipo 2 è rimasta significativa dopo l'adeguamento per l'uso di statine e farmaci attivi sul sistema renina-angiotensina.

I livelli plasmatici di GDF11 non erano associati a microangiopatia diabetica.

Nei soggetti di controllo, le concentrazioni di GDF11 si sono ridotte con l’età ( r= -0.50; P=0.0013 ), mentre c'era correlazione tra età e GDF11 nei pazienti con diabete di tipo 2 ( r=0.03; P=0.865 ).

Il test di trasformazione di Fisher ha dimostrato che i coefficienti di correlazione tra età e GDF11 erano significativamente differenti nei due gruppi ( z=2.43; P=0.015 ).
Dopo l'esclusione dei pazienti con macroangiopatia, questa differenza è risultata amplificata ( soggetti di controllo: r= -0.64, P inferiore a 0.0001; pazienti diabetici: r= -0.04, P=0,82; z=2.68, P=0.007 ).

GDF11 non è risultato correlato con l’emoglobina glicosilata ( HbA1c ), durata del diabete, o concentrazioni di interleuchina-6 ( IL-6 ) o fattore di necrosi tumorale ( TNF ).

I dati hanno mostrato per la prima volta che le concentrazioni plasmatiche di GDF11 progressivamente diminuiscono con l'età negli individui senza diabete, soprattutto se privi di malattie cardiovascolari.
Curiosamente, questa correlazione era completamente persa nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, e i pazienti con macroangiopatia diabetica hanno presentato aumenti marcati dei livelli plasmatici di GDF11.

Anche se GDF11 sta per essere studiato come bersaglio per la terapia anti-invecchiamento, i dati dello studio hanno fornito una nota di cautela.
Le ragioni per cui le concentrazioni di GDF11 non diminuiscono con l'età nei pazienti diabetici e aumentano notevolmente in quelli con malattie cardiovascolari non sono chiare.

Questi risultati possono riflettere che l’invecchiamento accelerato e la malattia vascolare nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 avvengono attraverso percorsi di invecchiamento non-fisiologici.
Infatti, GDF11 era in grado di prevenire l'ipertrofia cardiaca indotta dall’età ma non da sovraccarico pressorio.

Questa è la prima indagine riguardante le concentrazioni di GDF11 nell'uomo e la prima prova che GDF11 diminuisce con il normale invecchiamento.
L'invecchiamento nel milieu diabetico potrebbe non trarre beneficio da terapie mirate ai normali percorsi di invecchiamento. ( Xagena2015 )

Fadini GP et al, Diabetes Care 2015; Epub ahead of print

Cardio2015 Endo2015



Indietro