Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Efficacia comparativa degli inibitori SGLT2, degli agonisti del recettore GLP-1, degli inibitori DPP-4 e delle sulfoniluree sul rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori


Studi clinici randomizzati hanno dimostrato che, rispetto al placebo, gli inibitori SGLT2 ( co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ) e gli agonisti del recettore GLP-1 ( peptide glucagone-simile di tipo 1 ) hanno ridotto il rischio di eventi cardiovascolari avversi.

La prova base per le classi più vecchie di farmaci antiperglicemizzanti ( inibitori DPP-4 [ dipeptidil-peptidasi IV ] e sulfoniluree ) è generalmente meno sviluppata.

Poiché la maggior parte degli studi randomizzati ha valutato un farmaco antiperglicemico rispetto al placebo, un'analisi comparativa dell'efficacia tra classi di farmaci più recenti ( inibitori SGLT2 vs agonisti del recettore GLP-1 ) o tra classi di farmaci più recenti ( inibitori SGLT2 o agonisti del recettore GLP-1 ) e classi di farmaci più vecchi ( inibitori DPP-4 o sulfoniluree ) sul rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) non è disponibile.

In questo studio, è stata valutata l’efficacia comparativa dell'uso incidente di inibitori SGLT2, agonisti del recettore GLP-1, inibitori DPP-4 o sulfoniluree sul rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori.

Per prima cosa è stato specificato il protocollo di uno studio clinico pragmatico randomizzato a quattro bracci e poi è stato emulato utilizzando i database sanitari dello US Department of Veterans Affairs.

È stata creata una coorte di utilizzatori di Metformina con uso incidente di inibitori SGLT2, agonisti del recettore GLP-1, inibitori DPP-4 o sulfoniluree nel periodo 2016-2021 con follow-up fino a dicembre 2022.

È stato utilizzato l'approccio della ponderazione in sovrapposizione per bilanciare i gruppi di trattamento utilizzando una batteria di variabili predefinite e un set di variabili selezionate algoritmicamente da domini di dati ad alta dimensionalità.

Sia l’analisi intention-to-treat che per protocollo ( quest'ultima ha stimato l'effetto dell'uso mantenuto degli antiperglicemici durante il follow-up ) sono state condotte per stimare il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori definito come endpoint composito di ictus, infarto miocardico e mortalità per qualsiasi causa.

La coorte finale era composta da 283.998 nuovi utilizzatori di inibitori SGLT2 ( n=46.516 ), agonisti dei recettori GLP-1 ( n=26.038 ), inibitori DPP-4 ( n=55.310 ) o sulfoniluree ( n=156.134 ).

Nelle analisi intention-to-treat, rispetto alle sulfoniluree, gli inibitori SGLT2, gli agonisti dei recettori GLP-1 e gli inibitori DPP-4 sono stati associati a un minore rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( hazard ratio, HR=0.77, 0.78, e 0.90, rispettivamente ).

Sia gli inibitori SGLT2 che gli agonisti del recettore GLP-1 sono stati associati a un rischio inferiore di eventi cardiovascolari avversi maggiori rispetto agli inibitori DPP-4 ( HR=0.86 e HR=0.86, rispettivamente ).

Il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori tra inibitori SGLT2 e agonisti del recettore GLP-1 ha prodotto un hazard ratio di 0.99.

Nelle analisi per protocollo, rispetto alle sulfoniluree, gli inibitori SGLT2, gli agonisti del recettore GLP1 e gli inibitori DPP-4 sono stati associati a rischio ridotto di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( HR=0.77, HR=0.77 e HR=0.88, rispettivamente ).

Sia gli inibitori SGLT2 che gli agonisti del recettore GLP-1 sono stati associati un rischio inferiore di eventi cardiovascolari avversi maggiori rispetto agli inibitori DPP-4 ( HR=0.88 e HR=0.88, rispettivamente ).

Il rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori tra inibitori SGLT2 e agonisti dei recettori GLP-1 ha prodotto un hazard ratio di 1.01.

Sia gli inibitori SGLT2 che gli agonisti del recettore GLP-1 sono stati associati a un rischio ridotto di eventi cardiovascolari avversi maggiori rispetto agli inibitori DPP-4 o alle sulfoniluree.

Gli inibitori DPP-4 sono stati associati a un ridotto rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori rispetto alle sulfoniluree.

Non c'è stata differenza statisticamente significativa nel rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori tra gli inibitori SGLT2 e gli agonisti del recettore GLP-1.

I risultati hanno fornito la prova dell’efficacia comparativa nel mondo reale dei quattro anti-iperglicemici di seconda linea più comunemente utilizzati e potrebbero guidare la scelta della terapia anti-iperglicemica. ( Xagena2023 )

Xie Y et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2023; 11: 644-656

Endo2023 Cardio2023 Farma2023



Indietro