XagenaNewsletter
A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia e sicurezza di Semaglutide orale con aggiustamento della dose flessibile rispetto a Sitagliptin nel diabete di tipo 2: studio PIONEER 7


Semaglutide orale ( Rybelsus ) è la prima formulazione orale di un agonista del recettore del peptide-1 glucagone-like ( GLP-1 ) sviluppato per il trattamento del diabete di tipo 2.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza degli aggiustamenti della dose flessibile di Semaglutide orale con Sitagliptin ( Januvia ) 100 mg.

Nello studio di 52 settimane, multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase 3, PIONEER 7, sono stati reclutati pazienti con diabete mellito di tipo 2 da 81 siti in 10 Paesi.
I pazienti erano eleggibili se avevano 18 anni o più ( 19 anni o più in Corea del Sud ), avevano diabete di tipo 2 ( diagnosticato 90 o più giorni prima dello screening ), emoglobina glicata [ HbA1c ] del 7.5-9.5% ( 58-80 mmol/mol ) e non erano adeguatamente controllati con dosi giornaliere stabili di uno o due farmaci orali per abbassare la glicemia ( per 90 giorni o più prima dello screening ).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per i farmaci per la riduzione del glucosio allo screening, a Semaglutide orale con aggiustamenti della dose flessibile a 3, 7 o 14 mg una volta al giorno o Sitagliptin 100 mg una volta al giorno.

Per approssimare l'individualizzazione del trattamento nella pratica clinica, la dose orale di Semaglutide poteva essere regolata sulla base di HbA1c prespecificata e criteri di tollerabilità.
Sono stati prespecificati due estimandi relativi all'efficacia: politica di trattamento ( indipendentemente dalla sospensione del trattamento o dall'uso di farmaci di salvataggio ) e prodotto dello studio ( in trattamento e senza uso di farmaci di salvataggio ) per i partecipanti assegnati casualmente al trattamento.

L'endpoint primario era il raggiungimento di HbA1c inferiore al 7% ( 53 mmol/mol ) alla settimana 52 e l'endpoint di efficacia secondaria di conferma era la variazione del peso corporeo dal basale alla settimana 52.
La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2016 e il 2017, su 804 pazienti valutati per l'idoneità, 504 erano eleggibili e sono stati assegnati in modo casuale a Semaglutide orale ( n=253 ) o Sitagliptin ( n=251 ).
La maggior parte dei partecipanti era di sesso maschile ( 285 su 504, 57% ) con un'età media di 57.4 anni.
A tutti i partecipanti è stata somministrata almeno una dose del farmaco in studio assegnato, ad eccezione di un partecipante al gruppo Sitagliptin.

Da un valore medio di HbA1c al basale di 8.3%, una percentuale maggiore di partecipanti ha raggiunto HbA1c inferiore al 7% con Semaglutide orale rispetto a quanto fatto con Sitagliptin ( estimando della politica di trattamento: 58%, 134 su 230, vs 25%, 60 su 238; estimando del prodotto di studio: 63%, 123 su 196, vs 28%, 52 su 184 ).

Le probabilità di raggiungere HbA1c inferiore al 7% sono state significativamente migliori con Semaglutide orale rispetto a Sitagliptin ( estimando della politica di trattamento: odds ratio OR 4.40, P minore di 0.0001; estimando del prodotto di studio: 5.54, P minore di 0.0001 ).

Le probabilità di riduzione del peso corporeo medio dal basale alla settimana 52 sono state maggiori con Semaglutide orale rispetto a Sitagliptin ( variazione media stimata del peso corporeo, estimando della politica di trattamento: -2.6 kg vs -0.7 kg, differenza di trattamento stimata ETD -1.9 kg, P minore di 0.0001; estimando del prodotto di studio: -2.9 kg vs -0.8 kg, ETD -2.2 kg; P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi si sono verificati in 197 su 253 partecipanti ( 78% ) nel gruppo Semaglutide orale versus 172 su 250 ( 69% ) nel gruppo Sitagliptin e la nausea è stata l'evento avverso più comune con Semaglutide orale ( 53, 21% ).

Durante lo studio si sono verificati 2 decessi nel gruppo Sitagliptin.

Semaglutide orale, con aggiustamento flessibile della dose, basato su efficacia e tollerabilità, ha fornito un controllo glicemico e una perdita di peso superiori rispetto a Sitagliptin, con un profilo di sicurezza coerente con gli agonisti del recettore GLP-1 sottocutanei. ( Xagena2019 )

Pieber TR et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 528-539

Endo2019 Farma2019


Indietro