A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

Efficacia e sicurezza di Semaglutide una volta alla settimana rispetto a Insulina glargine una volta al giorno aggiunta a Metformina, con o senza sulfoniluree, in pazienti naive alla insulina con diabete di tipo 2


Sono disponibili diverse opzioni di trattamento farmacologico per il diabete mellito di tipo 2; tuttavia, molti pazienti non raggiungono un controllo glicemico ottimale e quindi sono necessarie nuove terapie.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Semaglutide ( Ozempic ), un analogo del GLP-1 ( glucagon-like peptide-1 ), rispetto all'Insulina glargine ( Lantus ) nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 che non erano adeguatamente controllati con Metformina ( con o senza sulfoniluree ).

È stato condotto uno studio di fase 3a, randomizzato, in aperto, di non-inferiorità, a gruppi paralleli, multicentrico, multinazionale ( SUSTAIN 4 ) in 196 siti in 14 Paesi.
I partecipanti eleggibili erano pazienti naive all’Insulina con diabete mellito di tipo 2, di età pari o superiore a 18 anni, che presentavano un insufficiente controllo glicemico con Metformina da sola o in combinazione con una sulfonilurea.

I partecipanti sono stati assegnati casualmente a Semaglutide per via sottocutanea una volta a settimana alle dosi di 0.5 mg o 1.0 mg ( dosi raggiunte dopo un regime di incremento graduale del dosaggio ) o a Insulina glargine una volta al giorno ( dose iniziale 10 UI al giorno, quindi titolata su base settimanale a un target glicemico auto-misurato pre-colazione di 4.0-5.5 mmol/l, 72-99 mg/dl ) per 30 settimane.
In tutti i gruppi di trattamento, il trattamento precedente con Metformina e sulfonilurea è continuato durante tutto lo studio.

L'endpoint primario era il cambiamento nella emoglobina glicata ( HbA1c ) media dal basale alla settimana 30, e l'endpoint secondario confermativo è stata la variazione del peso corporeo medio dal basale alla settimana 30.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza nella popolazione modificata intention-to-treat ( mITT, tutti i partecipanti assegnati in modo casuale che sono stati esposti almeno a una dose di farmaco in studio ) ed è stato utilizzato un margine dello 0.3% per stabilire la non-inferiorità nella riduzione di HbA1c.

Tra il 2014 e il 2015, 1.089 partecipanti sono stati assegnati a caso al trattamento; la popolazione mITT consisteva di 362 partecipanti assegnati a 0.5 mg di Semaglutide, 360 a 1 mg di Semaglutide e 360 ​​a Insulina glargine. 
9 partecipanti ( 14% ) assegnati a 0.5 mg di Semaglutide hanno interrotto prematuramente il trattamento, rispetto a 55 ( 15% ) assegnati a 1.0 mg di Semaglutide e 26 ( 7% ) assegnati a Insulina glargine.
La maggior parte delle interruzioni era dovuta a eventi avversi, per lo più gastrointestinali, con Semaglutide, e altri eventi avversi come disturbi cutanei e del tessuto sottocutaneo ( rash, prurito e orticaria ) con Insulina glargine.

Da una HbA1c basale media dell'8.1%, alla settimana 30, Semaglutide ai dosaggi di 0.5 e di 1.0 mg hanno ottenuto, rispettivamente, riduzioni dell'1.2% e dell’1.67%, contro lo 0.83% con Insulina glargine; le differenze stimate di trattamento rispetto all'Insulina glargine sono state -0.38% con 0.5 mg di Semaglutide e -0.81% con 1.0 mg di Semaglutide ( entrambi P minore di 0.0001 ).

Il peso corporeo medio al basale era 93.45 kg; alla settimana 30, 0.5 e 1 mg di Semaglutide hanno raggiunto una perdita di peso di 3.47 kg e 5.17 kg, rispettivamente, contro un aumento di peso di 1.15 kg con Insulina glargine; le differenze stimate del trattamento rispetto all'Insulina glargine sono state -4.62 kg con 0.5 mg di Semaglutide e -6.33 kg con 1.0 mg di Semaglutide ( entrambi P minore di 0.0001 ).

Ipoglicemia grave o confermata dal livello plasmatico di glucosio è stata riportata da 16 ( 4% ) partecipanti con 0.5 mg di Semaglutide e 20 ( 6% ) con 1 mg di Semaglutide versus 38 ( 11% ) con Insulina glargine ( P=0.0202 per 0.5 mg e 1.0 mg di Semaglutide vs Insulina glargine, rispettivamente ).

Ipoglicemia grave è stata riportata da 2 ( inferiore a 1% ) partecipanti con 0.5 mg di Semaglutide, 5 ( 1% ) con 1.0 mg di Semaglutide e 5 ( 1% ) con Insulina glargine.

Sono stati segnalati 6 decessi: 4 ( 1% ) nel gruppo 0.5 mg di Semaglutide ( 3 decessi cardiovascolari, un carcinoma pancreatico, probabilmente correlato al farmaco in studio ) e 2 ( inferiore a 1% ) nel gruppo Insulina glargine ( entrambi per morte cardiovascolare ).

Gli eventi avversi più frequentemente riportati sono stati nausea con Semaglutide, riportata in 77 ( 21% ) pazienti con 0.5 mg e in 80 ( 22% ) con 1 mg e nasofaringite riportata in 44 ( 12% ) pazienti con Insulina glargine.

Rispetto all'Insulina glargine, Semaglutide ha determinato una maggiore riduzione della emoglobina glicata e del peso corporeo, con un minor numero di episodi ipoglicemici, ed è stata ben tollerata, con un profilo di sicurezza simile a quello di altri agonisti del recettore GLP-1. ( Xagena2017 )

Aroda VR et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2017; 5: 355-366

Endo2017 Farma2017


Indietro