Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esiti cardiovascolari e renali con Canagliflozin secondo la funzione renale di base


Canagliflozin ( Invokana ) è approvato per l'abbassamento della glicemia nel diabete mellito di tipo 2 e conferisce benefici cardiovascolari e renali.

Uno studio ha valutato se il farmaco fosse in grado di offrire benefici nelle persone con malattia renale cronica, compresi quelli con velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) tra 30 e 45 ml/min/1.73 m2 nei quali il farmaco non è attualmente approvato per l'uso.

Il CANVAS Program ha randomizzato 10.142 partecipanti con diabete mellito di tipo 2 ed eGFR maggiore di 30 ml/min/1.73 m2 a Canagliflozin o placebo.

L'esito primario era un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale, con altri esiti cardiovascolari, renali e di sicurezza.

Questa analisi secondaria ha descritto gli esiti nei partecipanti con e senza malattia renale cronica, definiti come eGFR inferiore a 60 e maggiore o uguale a 60 ml/min/1.73 m2, e secondo la funzione renale al basale ( eGFR inferiore a 45, da 45 a inferiore a 60, da 60 a inferiore a 90 e maggiore o uguale a 90 ml/min/1.73 m2 ).

Al basale, 2.039 ( 20.1% ) partecipanti avevano eGFR inferiore a 60 ml/min/1.73 m2, il 71.6% dei quali aveva una storia di malattia cardiovascolare.

L'effetto di Canagliflozin sull'esito primario era simile nelle persone con malattia renale cronica ( hazard ratio, HR=0.70 ) e in quelle con funzione renale conservata ( HR=0.92, P per eterogeneità=0.08 ).

Gli effetti relativi sulla maggior parte degli esiti cardiovascolari e renali erano simili tra i sottogruppi di eGFR, con possibile eterogeneità suggerita solo per l'esito di ictus fatale / non-fatale ( P per eterogeneità=0.01 ), così come i risultati per quasi tutti gli esiti di sicurezza.

In conclusione, gli effetti di Canagliflozin sugli esiti cardiovascolari e renali non sono stati modificati dal livello di base della funzione renale nelle persone con diabete mellito di tipo 2 e con una storia o ad alto rischio di malattie cardiovascolari fino a livelli di eGFR di 30 ml/min/1.73 m2.
Rivalutare le limitazioni attuali sull'uso di Canagliflozin nella malattia renale cronica può consentire a più individui di beneficiare di questa terapia. ( Xagena2018 )

Neuen BL et al, Circulation 2018; 138: 1537-1550

Cardio2018 Endo2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro