A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esiti cardiovascolari e renali con Efpeglenatide nel diabete di tipo 2


È stato dimostrato che quattro agonisti del recettore di GLP-1 ( glucagon-like peptide 1 ) strutturalmente simili al GLP-1 umano riducono il rischio di eventi cardiovascolari avversi tra le persone con diabete di tipo 2.

L'effetto di un agonista del recettore GLP-1 a base di exendina, Efpeglenatide, sugli esiti cardiovascolari e renali nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono anche ad alto rischio di eventi cardiovascolari avversi è incerto.

In uno studio randomizzato, controllato con placebo condotto in 344 centri in 28 Paesi, è stato valutato l'Efpeglenatide nei partecipanti con diabete mellito di tipo 2 e una storia di malattia cardiovascolare o malattia renale in corso ( definita come una velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] da 25.0 a 59.9 ml per minuto per 1.73 m2 di superficie corporea ) più almeno un altro fattore di rischio cardiovascolare.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere iniezioni sottocutanee settimanali di Efpeglenatide alla dose di 4 o 6 mg oppure placebo.

La randomizzazione è stata stratificata in base all'uso di inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2.

L'esito primario era il primo evento cardiovascolare avverso maggiore ( MACE, un composito di infarto miocardico non-fatale, ictus non-fatale o morte per cause cardiovascolari o indeterminate ).

Sono stati arruolati in totale 4.076 partecipanti; 2.717 sono stati assegnati a ricevere Efpeglenatide e 1.359 a ricevere placebo.

Durante un follow-up mediano di 1.81 anni, si è verificato un evento MACE incidente in 189 partecipanti ( 7.0% ) assegnati a ricevere Efpeglenatide ( 3.9 eventi per 100 anni-persona ) e 125 partecipanti ( 9.2% ) assegnati a ricevere placebo ( 5.3 eventi per 100 anni-persona ) ( hazard ratio, HR=0.73; P minore di 0.001 per la non-inferiorità; P=0.007 per la superiorità ).

Un evento di esito renale composito ( diminuzione della funzionalità renale o macroalbuminuria ) si è verificato in 353 partecipanti ( 13.0% ) assegnati a ricevere Efpeglenatide e in 250 partecipanti ( 18.4% ) assegnati a ricevere placebo ( HR=0.68; P minore di 0.001 ).

Diarrea, costipazione, nausea, vomito, o gonfiore si sono verificati più frequentemente con Efpeglenatide che con placebo.

In questo studio che ha coinvolto partecipanti con diabete mellito di tipo 2 che avevano una storia di malattia cardiovascolare o malattia renale in corso più almeno un altro fattore di rischio cardiovascolare, il rischio di eventi cardiovascolari è stato più basso tra coloro che avevano ricevuto iniezioni sottocutanee settimanali di Efpeglenatide a una dose di 4 o 6 mg rispetto a quelli che avevano ricevuto il placebo. ( Xagena2021 )

Gerstein H et al, N Engl J Med 2021; 385: 896-907

Endo2021 Cardio2021 Nefro2021 Farma2021


Indietro