A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esiti renali a lungo termine dei pazienti con diabete mellito di tipo 1 e microalbuminuria


La microalbuminuria viene diagnosticata comunemente nella cura clinica dei pazienti con diabete mellito di tipo 1.
Gli esiti a lungo termine dopo lo sviluppo di microalbuminuria sono variabili.

E’ stata quantificata l'incidenza e i fattori di rischio per gli esiti renali a lungo termine dopo lo sviluppo della microalbuminuria nello studio DCCT/EDIC ( Diabetes Control and Complications Trial/Epidemiology of Diabetes Interventions and Complications ).

DCCT ha assegnato in modo casuale 1441 persone con diabete mellito di tipo 1 a terapia antidiabetica intensiva o a terapia convenzionale; i partecipanti sono stati successivamente seguiti dallo studio osservazionale EDIC.

Durante lo studio DCCT/EDIC, 325 partecipanti hanno sviluppato microalbuminuria persistente ( velocità di escrezione di albumina, maggiore/uguale a 30 mg/24 ore in due visite di studio consecutive ).

Sono stati valutati gli esiti renali successivi, tra cui progressione verso la macroalbuminuria ( velocità di escrezione di albumina, maggiore/uguale a 300 mg/24 ore in due visite consecutive ), velocità di filtrazione glomerulare ( velocità di filtrazione glomerulare stimata, inferiore a 60 mL/min/1.73 m2 in due visite di studio consecutive ), malattia renale allo stadio terminale e regressione verso normoalbuminuria ( velocità di escrezione di albumina, inferiore a 30 mg/24 ore in due visite consecutive ).

Il periodo di follow-up mediano dopo diagnosi di microalbuminuria persistente è stato di 13 anni ( massimo 23 anni ).

L'incidenza di progressione cumulativa a dieci anni verso macroalbuminuria, ridotta velocità di filtrazione glomerulare, malattia renale allo stadio terminale e regressione a normoalbuminuria è stata, rispettivamente, del 28%, 15%, 4%, e 40%.

Gli esiti dell'albuminuria sono stati più favorevoli con la terapia intensiva, più ridotti livelli di emoglobina glicata, assenza di retinopatia, sesso femminile, pressione sanguigna più bassa e più basse concentrazioni di colesterolo LDL e trigliceridi.

Un più basso livello di emoglobina glicata, assenza di retinopatia e valori più bassi di pressione sanguigna sono stati anche associati a un ridotto rischio di alterata velocità di filtrazione glomerulare.

In conclusione, dopo lo sviluppo di microalbuminuria persistente, si sono verificate comunemente progressione e regressione della malattia renale.
Il controllo glicemico intensivo, la pressione sanguigna più bassa, e un più favorevole profilo lipidico sono risultati associati a un miglioramento dei risultati. ( Xagena2011 )

de Boer IH et al, Arch Intern Med 2011; 171: 412-420



Nefro2011 Endo2011



Indietro