Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Farmaci o strategie ipoglicemizzanti, eventi cardiovascolari aterosclerotici e insufficienza cardiaca nelle persone con o a rischio di diabete di tipo 2


In una revisione sistematica e meta-analisi del 2015 degli studi sugli esiti cardiovascolari per farmaci o strategie ipoglicemizzanti in persone con o a rischio di diabete mellito di tipo 2 è stata riportata una modesta riduzione degli eventi cardiovascolari aterosclerotici e un aumento del rischio di insufficienza cardiaca, ma con effetti eterogenei per farmaco o tipo di intervento.

In vista del completamento di molti studi con esito cardiovascolare di grandi dimensioni della precedente analisi, comprese gli studi di nuovi farmaci che hanno mostrato effetti benefici sugli esiti cardiovascolari, è stata aggiornata l’analisi per incorporare questi risultati.

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi aggiornata di ampi studi sugli esiti cardiovascolari di farmaci o strategie ipoglicemizzanti in persone con o a rischio di diabete di tipo 2.
Sono stati cercati studi pubblicati nel periodo 2013-2019.

Sono stati inclusi studi controllati randomizzati con un minimo di 1.000 adulti di età a partire da 19 anni con o a rischio di diabete di tipo 2, con eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) come esito e con follow-up di almeno 12 mesi.
Sono stati esclusi gli studi con pazienti arruolati con un evento cardiovascolare acuto.

I principali esiti di interesse erano gli eventi MACE, generalmente definiti come un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus, e insufficienza cardiaca.
Sono stati calcolati i risk ratio ( RR ) aggregati, e sono stati analizzati gli effetti del trattamento per differenza di peso corporeo raggiunta e i risultati stratificati per sottogruppi al basale.

La ricerca aggiornata ha prodotto 30 studi idonei ( n=225.305 ). L'età media dei partecipanti era di 63.0 anni e la durata media del diabete era di 9.4 anni.

Dopo un follow-up medio di 3.8 anni, 23.016 partecipanti ( 10.2% ) hanno manifestato eventi MACE e 8.169 ( 3.6% ) un evento di insufficienza cardiaca.

I farmaci o le strategie ipoglicemizzanti hanno ridotto il rischio di eventi MACE rispetto alla cura standard o al placebo ( RR 0.92, P minore di 0.0001 ), senza alcun effetto complessivo sul rischio di insufficienza cardiaca ( 0.98, P=0.71 ).

Tuttavia, tra le classi di farmaci o le strategie, l'entità e la direzionalità degli RR per l’insufficienza cardiaca sono variate ( P per interazione minore di 0.0001 ), mostrando che una diminuzione del peso corporeo di 1 kg era associata a una diminuzione relativa del 5.9% del rischio di insufficienza cardiaca ( P minore di 0.0001 ).

Tra gli studi che hanno valutato le classi di farmaci o le strategie associate alla perdita di peso ( cambiamenti intensi dello stile di vita, agonisti del recettore GLP-1 o inibitori SGLT2 ), la riduzione del rischio per gli eventi MACE è stata costante tra i partecipanti con ( 0.87 ) e senza ( 0.92 ) malattia cardiovascolare stabilita al basale ( P per interazione = 0.33 ).

Per l’insufficienza cardiaca, gli RR per le classi di farmaci o le strategie associate a perdita di peso sono stati costanti tra i partecipanti con ( 0.80 ) e senza ( 0.84 ) malattie cardiovascolari al basale ( P per interazione = 0.63 ).

I farmaci o le strategie per abbassare il glucosio nel complesso hanno ridotto il rischio di eventi aterosclerotici fatali e non-fatali.
L'effetto sull'insufficienza cardiaca è stato nel complesso neutro, ma è variato sostanzialmente in base al tipo di intervento, con interventi associati alla perdita di peso che hanno mostrato un effetto benefico.

I benefici cardiovascolari e sull’insufficienza cardiaca degli interventi associati alla perdita di peso potrebbero essere estesi a pazienti senza malattia cardiovascolare accertata. ( Xagena2020 )

Ghosh-Swaby OR et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2020; 8: 418-435

Endo2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro