A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Inibitori di SGLT2 per la prevenzione primaria e secondaria degli esiti cardiovascolari e renali nel diabete di tipo 2


Non è definita l'entità dell'effetto degli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio ( SGLT2 ) su specifici esiti cardiovascolari e renali e non è chiaro se l'eterogeneità sia basata su caratteristiche di base.

È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati, controllati con placebo e con esito cardiovascolare degli inibitori SGLT2 nei pazienti con diabete di tipo 2.

Gli esiti di efficacia comprendevano eventi avversi cardiovascolari maggiori ( infarto miocardico, ictus o morte cardiovascolare ), il composito di morte cardiovascolare o ricovero per insufficienza cardiaca e la progressione della malattia renale.
Gli esiti di efficacia erano stratificati in base alla presenza basale di malattie cardiovascolari aterosclerotiche, insufficienza cardiaca e grado di funzionalità renale.

Sono stati inclusi i dati di tre studi identificati e di 34.322 pazienti ( 60.2% con malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata ), con 3.342 eventi cardiovascolari avversi maggiori, 2.028 decessi cardiovascolari o eventi cardiaci sfavorevoli di ricovero e 766 esiti compositi renali.

Gli inibitori SGLT2 hanno ridotto gli eventi avversi cardiovascolari maggiori dell'11% ( HR=0.99, P=0.0014 ), con un beneficio osservato solo nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica ( 0.86 ) e non in quelli senza ( 1.00, P per interazione=0.0501 ).

Gli inibitori SGLT2 hanno ridotto il rischio di morte cardiovascolare o di ospedalizzazione per scompenso cardiaco del 23% ( 0.77, P minore di 0.0001 ), con un beneficio simile nei pazienti con e senza malattia cardiovascolare aterosclerotica e con e senza una storia di insufficienza cardiaca.

Gli inibitori SGLT2 hanno ridotto il rischio di progressione della malattia renale del 45% ( 0.55, P minore di 0.0001 ), con un beneficio simile in quelli con e senza malattia cardiovascolare aterosclerotica.

L'entità del beneficio degli inibitori SGLT2 variava con la funzione renale al basale, con maggiori riduzioni nei ricoverati per insufficienza cardiaca ( P per interazione=0.0073 ) e minori riduzioni per la progressione della malattia renale ( P per interazione=0.0258 ) nei pazienti con più grave malattia renale al basale.

Gli inibitori SGLT2 esercitano benefici moderati sugli eventi cardiovascolari avversi maggiori aterosclerotici, che sembrano limitati ai pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata.
Tuttavia, hanno notevoli benefici nel ridurre l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e la progressione della malattia renale indipendentemente dalla malattia cardiovascolare aterosclerotica esistente o da una storia di insufficienza cardiaca. ( Xagena2019 )

Zelniker TA et al, Lancet 2019; 393: 31-39

Endo2019 Cardio2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro