XagenaNewsletter
A Focus on CV
Medical Meeting
Xagena Mappa

Liraglutide e rischio di eventi cardiovascolari maggiori


Evidenze da studi hanno dimostrato che l'agonista del recettore di GLP-1, Liraglutide ( Victoza ) riduce significativamente il rischio di eventi cardiovascolari maggiori tra i pazienti con diabete di tipo 2 che hanno malattie cardiovascolari accertate o sono ad alto rischio cardiovascolare.
È stata valutata l'efficacia cardiovascolare di Liraglutide nella pratica clinica di routine.

Sono stati utilizzati i dati dei registri nazionali di Danimarca e Svezia per il periodo dal 2010 al 2016 per studiare il rischio di eventi cardiovascolari maggiori associati all'uso di Liraglutide, in confronto a una classe di farmaci di confronto attivi, inibitori della dipeptidil peptidasi-4 ( DPP-4 ), in pazienti con diabete di tipo 2.
La coorte includeva utilizzatori incidenti di Liraglutide o inibitori di DPP-4, che stavano anche assumendo Metformina al basale, abbinati per età, sesso e punteggio di propensione.

L'esito principale era rappresentato da eventi cardiovascolari maggiori, un esito composito costituito da infarto miocardico, ictus e morte cardiovascolare.
Altri risultati valutati sono stati i singoli componenti dell’esito composito principale, insufficienza cardiaca, morte per qualsiasi causa, e un esito di eventi cardiovascolari maggiori composito espanso che comprendeva anche altre cardiopatie ischemiche, rivascolarizzazione coronarica e malattia arteriosa periferica.

La popolazione dello studio era composta da 23.402 utilizzatori di Liraglutide e 23.402 utilizzatori abbinati di inibitori DPP-4; i pazienti sono stati seguiti per una media di 3.3 anni.

Un evento cardiovascolare maggiore si è verificato in 1.132 utilizzatori di Liraglutide ( tasso di incidenza di 14.0 per 1.000 anni-persona ) e in 1.141 utilizzatori di inibitori di DPP-4 ( 15.4 per 1.000 anni-persona; hazard ratio, HR 0.90 ).

Gli hazard ratio erano 0.81 per i pazienti con anamnesi positiva per patologia cardiovascolare maggiore e 0.96 per i pazienti senza tale anamnesi ( P=0.057 test di omogeneità, suggerendo nessuna evidenza statistica di eterogeneità ).

Rispetto all'uso degli inibitori di DPP-4, l'uso di Liraglutide era associato a un rischio significativamente più basso di morte cardiovascolare ( HR 0.88 ), ma non sono state identificate differenze significative per il rischio di infarto miocardico ( 0.94 ) o ictus ( 0.88 ).

Inoltre, l'uso di Liraglutide è risultato associato a un rischio significativamente più basso di morte per qualsiasi causa ( HR 0.83 ), ma non sono state identificate differenze significative per il rischio di insufficienza cardiaca ( 0.90 ) o per l'esito di eventi cardiovascolari maggiori espansi ( 0.95 ).

In questa grande coorte scandinava, l'uso di Liraglutide, rispetto all'uso di inibitori di DPP-4, è risultato associato a un rischio significativamente ridotto di eventi cardiovascolari maggiori.
I pazienti con storia di malattie cardiovascolari sembravano ottenere il più grande beneficio dal trattamento con Liraglutide.
Questi dati forniscono supporto all'efficacia cardiovascolare di Liraglutide nella pratica clinica di routine. ( Xagena2019 )

Svanström H et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 106-114

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro