A Focus on CV
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

Lixisenatide ed esiti renali nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e sindrome coronarica acuta: analisi esplorativa dello studio ELIXA


I risultati dello studio ELIXA hanno dimostrato la sicurezza cardiovascolare di Lixisenatide ( Lyxumia ), un agonista del recettore GLP-1 a breve durata d'azione, nei pazienti con diabete di tipo 2 e sindrome coronarica acuta.
In una analisi esplorativa di ELIXA, è stato esaminato l'effetto di Lixisenatide sugli esiti renali.

ELIXA era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in 828 Centri in 49 Paesi.
I pazienti con diabete di tipo 2 e un recente evento coronarico sono stati assegnati in modo casuale a una iniezione sottocutanea giornaliera di Lixisenatide ( 10-20 microg ) oppure placebo, oltre alla normale terapia, fino a quando almeno 844 pazienti hanno manifestato un evento avverso cardiovascolare maggiore incluso nell’esito primario.

In un'analisi esplorativa di ELIXA, è stata studiata la variazione percentuale nel rapporto albumina / creatinina urinario ( UACR ) e la velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) in base allo stato di albuminuria prespecificato al basale ( normoalbuminuria, UACR inferiore a 30 mg/g; microalbuminuria, da superiore o uguale a 30 a inferiore o uguale a 300 mg/g; macroalbuminuria, superiore a 300 mg/g ).
Sono stati anche valutati il ​​tempo alla macroalbuminuria di nuova insorgenza e il raddoppio della creatinina sierica.

Dei 6.068 pazienti assegnati casualmente tra il 2010 e il 2013, i dati UACR al basale erano disponibili per 5.978 ( 99% ).

Il tempo di follow-up mediano è stato di 108 settimane. 4.441 ( 74%, 2.191 assegnati a placebo e 2.250 assegnati a Lixisenatide ) avevano normoalbuminuria, 1.148 ( 19%, 596 assegnati a placebo e 552 assegnati a Lixisenatide ) presentavano microalbuminuria e 389 ( 7%, 207 assegnati a placebo e 182 assegnati a Lixisenatide ) avevano macroalbuminuria.

Dopo 108 settimane, la variazione percentuale media dei minimi quadrati aggiustata rispetto al placebo di UACR rispetto al basale con Lixisenatide è stata pari a -1.69% ( P=0.7398 ) nei pazienti con normoalbuminuria, -21.10% ( P=0.0502 ) nei pazienti con microalbuminuria e -39.18% ( P=0.0070 ) nei pazienti con macroalbuminuria.

Lixisenatide è risultata associata a un rischio ridotto di macroalbuminuria di nuova insorgenza rispetto al placebo dopo aggiustamento per HbA1c ( emoglobina glicata ) al basale ( hazard ratio, HR=0.808, P=0.0404 ) o HbA1c basale e durante lo studio ( HR=0.815, P=0.0491 ); le stime puntuali erano simili se adeguate ad altri fattori di rischio renale tradizionali.

Alla settimana 108, il più grande calo di eGFR rispetto al basale è stato osservato nel gruppo macroalbuminurico, ma non sono state osservate differenze significative tra i due gruppi di trattamento.
Nessuna differenza significativa nel declino di eGFR è stata identificata tra i gruppi di trattamento in qualsiasi sottogruppo UACR.

Nella popolazione di sicurezza dello studio, il raddoppio della creatinina sierica si è verificato in 35 pazienti su 3.032 ( 1% ) nel gruppo placebo e in 41 pazienti su 3.031 ( 1% ) nel gruppo Lixisenatide ( HR=1.163, P=0.5127 ).

Come precedentemente riportato nello studio ELIXA, la proporzione di pazienti con eventi avversi renali è risultata bassa ( 48 su 3.032 pazienti, 1.6%, nel gruppo placebo vs 48 su 3.031 pazienti, 1.6%, nel gruppo Lixisenatide ) e non differiva significativamente tra i gruppi di trattamento.

Lixisenatide riduce la progressione del rapporto urinario albumina / creatinina nei pazienti con macroalbuminuria ed è associato a un minore rischio di macroalbuminuria di nuova insorgenza dopo aggiustamento per emoglobina glicata al basale e durante lo studio e altri fattori di rischio renale tradizionali. ( Xagena2018 )

Muskiet MHA et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 859-869

Endo2018 Cardio2018 Nefro2018 Farma2018


Indietro