Xagena Mappa
A Focus on CV
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Steatosi epatica non-alcolica associata a disfunzione diastolica del ventricolo sinistro nei pazienti con diabete di tipo 2


I dati sulla funzione cardiaca nei pazienti con steatosi epatica non-alcolica sono limitati e conflittuali.

E' stato valutato se la steatoepatite non-alcolica sia associata con anomalie nella funzione cardiaca in pazienti con diabete mellito di tipo 2.

Sono stati studiati 50 individui consecutivi con diabete di tipo 2 senza una storia di malattia cardiaca di tipo ischemico, malattia epatica, o consumo eccessivo di alcol, a cui era stata diagnosticata steatosi epatica non-alcolica mediante esame ecografico.

Un'ecocardiografia Doppler tissutale con misurazione della deformazione miocardica è stata eseguita in tutti i pazienti.

Un totale di 32 pazienti ( 64% ) avevano steatosi epatica non-alcolica e quando sono stati confrontati con gli altri 18 pazienti, età, sesso, BMI ( indice di massa corporea ), circonferenza vita, ipertensione, fumo, durata del diabete, condizione delle complicanze microvascolari e uso di farmaci non erano significativamente diversi.

In aggiunta, anche la massa e i volumi del ventricolo sinistro, la frazione di eiezione, la resistenza vascolare sistemica, l'elasticità arteriosa e la compliance non erano differenti.

I pazienti con steatosi epatica non-alcolica presentavano una più bassa velocità tissutale e' ( 8.2 vs 9.9 cm/s, p inferiore a 0.005 ), rapporto E/e' maggiore ( 7.90 vs 5.59, p inferiore a 0.0001 ), un costante del tempo di rilassamento isovolumetrico maggiore ( 43.1 vs 33.2 ms, p inferiore a 0.01 ), più alta pressione telediastolica del ventricolo sinistro ( 16.5 vs 15.1 mmHg, p inferiore a 0.0001 ) e più alto rapporto tra la pressione telediastolica e il volume telediastolico del ventricolo sinistro ( 0.2 0 vs 0.18 mmHg, p minore di 0.05 ), rispetto ai pazienti senza steatosi.

Tra le misure di deformazione longitudinale globale ventricolare sinistra e i tassi di deformazione, gli individui con steatosi epatica non-alcolica avevano anche un più alto tasso di deformazione longitudinale globale diastolica / E durante la fase precoce della diastole ( E/SRE ).

Tutte queste differenze sono rimaste significative dopo aggiustamento per l'ipertensione e altri fattori di rischio cardiometabolico.

In conclusione, questi dati hanno mostrato che nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e steatosi epatica non-alcolica, anche se la morfologia ventricolare sinistra e la funzione sistolica sono conservate, possono essere rilevate precoci caratteristiche di disfunzione diastolica del ventricolo sinistro. ( Xagena2012 )

Bonapace S et al, Diabetes Care 2012; 35: 389-395


Endo2012 Cardio2012



Indietro